31/07/2012 TUNISIA - la nuova frontiera per gli investimenti italiani

Alla luce della nuova struttura politica attuata nel Paese, la Tunisia è diventata particolarmente interessante per gli imprenditore italiani. La Tunisia, in effetti, si presenta con le caratteristiche ideali: * vicinanza del paese <a href=http://www.spadausa.com/>cheap replica rolex watches</a> * sicurezza * normativa sugli incentivi * basso costo dei fattori di produzione * stabilità politica * assenza di conflittualità sindacale * allettante quadro giuridico e normativo sugli investimenti La Tunisia, inoltre, ha tutti glie elementi per presentarsi come una reale piattaforma per lapproccio ai mercati vicini, beneficiando degli accordi bilaterali e multilaterali (accordo di Agadir, tra Tunsia, Marocco, Egitto e Giordania che prevede la libera circolazione di beni industriali tra i quattro paesi firmatari a partire dal 1°gennaio 2005). Loperatività di IF&M si pone lobbiettivo di orientare, seguire e sostenere in ogni fase le imprese italiane che intendano effettuare un processo di internazionalizzazione. L'ASSISTENZA DI IF&M La nostra operatività comprende: <a href=http://www.ufluk.co.uk/>replica watches uk sale</a> * analisi del progetto * formulazione del business plan * reperimento di fonti finanziarie a sostegno dellinvestimento * utilizzo di fondi di organismi nazionali e internazionali * inserimento nel capitale sociale di SIMEST e FINEST (per tale Società solo quando sarà attiva verso la Tunisia) GLI ATTEGGIAMENTI DEGLI ORGANISMI NAZIONALI E INTERNAZIONALI * Banca Europea per lo Sviluppo e la Ricostruzione (BERS) La Tunisia è tra i nuovi membri della BERS che, da Settembre 2012, sosterrà il Paese nella realizzazione dei loro programmi di riforma economica e politica. La BERS potrebbe costituire un importante strumento per limplementazione di programmi di riforma politica ed economica. * Banca Africana di Sviluppo (AFDB) Istituzione finanziaria multilaterale formata da 77 paesi dellAfrica e del Nord, centro e Sud America, dellAsia e dellEuropa. La finalità istituzionale è di promuovere lo sviluppo e il progresso dei paesi membri regionali appartenenti al continente africano. I principali strumenti di intervento sono i seguenti: # Crediti di aiuto in favore dei paesi in via di sviluppo: - Crediti agevolati (concessionabilità minima 35%) concessi ai Paesi in via di Sviluppo. - Possono essere finanziati progetti di cooperazione per la realizzazione di infrastrutture, commodity aid o programme aid destinati allacquisto di beni e servizi di origine italiana (sono considerati prioritari settori quali il sanitario, lacqua, lambiente, lenergia, le infrastrutture, la formazione e il patrimonio culturale). - I crediti di aiuto concessi dal Governo italiano si riferiscono ad acquisizioni di beni e servizi di origine italiana con la possibilità di utilizzazione delle risorse locali a seconda dei settori dintervento fino a una percentuale massima del 95%. - I termini e le condizioni di tali finanziamenti sono connessi al livello di concessionabilità attribuito al Paese in funzione del suo reddito pro-capite. - I crediti devono soddisfare due condizioni principali: 1) il reddito pro-capite del Paese beneficiario non deve superare un determinato reddito procapite annuale in accordo ai dati forniti dalla Banca Mondiale; 2) i progetti finanziati non devono essere commercialmente viabili. # Crediti agevolati alle imprese italiane con il parziale finanziamento della loro quota di capitale di rischio in imprese miste da realizzarsi in paesi in via di sviluppo; - crediti agevolati, tramite finanziamenti al capitale di rischio, alle imprese italiane che acquisiscono quote di capitale di rischio in imprese miste da realizzarsi nei Paesi in via di Sviluppo con la partecipazione di investitori pubblici o privati del Paese destinatario. Lagevolazione ha come finalità la creazione di occupazione e di valore aggiunto locale. - È finanziabile la partecipazione delle società italiane ne capitale della società mista non inferiore al 20% e non superiore al 75%. La partecipazione del partner locale non deve essere inferiore al 25% - Il finanziamento agevolato può coprire fino al 70% della quota di pertinenza dellimpresa italiana, per un importo massimo di euro 5.000.000. - La società mista deve operare principalmente in uno dei seguenti settori: 1) agricoltura, allevamento pesca e attività di trasformazione dei loro prodotti; 2) artigianato; 3) servizi locali di pubblico interesse nei settori dellenergia, delle comunicazioni, dellacqua, dei trasporti e dei rifiuti; 4) microfinanza, servizi per la microimprenditoria, commercio locale, commercio equo e solidale, turismo sostenibile 5) tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali. # Doni in favore dei paesi in via di sviluppo - generalmente concessi a paesi a basso reddito; - posso essere finanziati singoli progetti specifici (diga, acquedotto, tratto stardale, ferrovia, ospedale, progetto agricolo) oppure programmi destinati di commodity varie (materie prime, beni di consumo) o di commodity in un determinato settore (i settori prioritari sono: sanitario, acqua, energia, infrastrutture, formazione e patrimonio culturale) # Doni a organizzazioni internazionali - concessione di contributi volontari/doni agli organismi Internazionali e alle Istituzioni Finanziarie Internazionali rivolti a attività di cooperazione allo sviluppo in aree e tematiche ritenute prioritarie dal governo italiano. * SIMEST La SIMEST è una SPA, controllata dal Ministero delle Attività Produttive con una presenza azionaria privata, nata nel 1991 con lo scopo di promuovere investimenti allestero e di sostenerli sotto il profilo finanziario. Gli interventi della SIMEST possono riguardare le seguenti categorie di operazioni: # Agevolazione dei crediti allesportazione (d. lgs n° 143/98) Consente alle imprese esportatrici italiane di offrire agli acquirenti esteri dilazioni di pagamento a medio-lungo termine, a condizioni e tassi di interesse competitivi. Le forme di finanziamento più frequenti sono: lo sconto pro-soluto di titoli di credito rilasciati dal cliente estero, avallati da una banca estera, oppure mediante un finanziamento allo esportatore concesso da una banca, sulla quale la SIMEST effettua un intervento per la riduzione del tasso di interesse. # finanziamenti di programmi commerciali allestero (l. 394//81) Favorisce la realizzazione di strutture permanenti e di attività di supporto promozionale da parte di imprese italiane allestero (show room, uffici di rappresentanza), a partire da un importo minimo di 100.000. Lintervento consiste nel finanziamento a tasso agevolato della spesa, con la richiesta di garanzie tra il 60% e 80% dellimporto erogato. # partecipazione al capitale di imprese estere (l. n°100/90) Promuove la partecipazione di imprese italiane in società allestero, a partire da un importo minimo di 500.000. Lintervento è il seguente: - partecipazione della SIMEST fino al 25% del capitale sociale delle imprese estere, con obbligo di riacquisto della società italiana, garantito da fideiussione assicurativa o bancaria. E in fase di avvio un apposito fondo di garanzia che consente alla SIMEST di acquisire fino al 49% del capitale sociale, sempre con obbligo di riacquisto della società italiana, ma senza dover fornire garanzia assicurativa o bancaria. # finanziamenti agevolati per studi di fattibilita e assistenza tecnica (d. lgs. n° 143/98) Lintervento consiste nel finanziamento a tasso agevolato di spese per studi di fattibilità ed assistenza tecnica, a partire da 70.000, con richiesta di garanzia fidejussoria bancaria e assicurativa sul 50% dellimporto erogato. # finanziamenti per la partecipazione a gare internazionali (l. n° 304/90) Agevola la partecipazione delle imprese italiane alle gare internazionali. Lintervento consiste in un finanziamento a tasso agevolato, con obbligo di fornire una garanzia fidejussoria bancaria o assicurativa. * FINEST Finest è la finanziaria per gli imprenditori del Nord Est, nata nel 1991 con legge dello Stato (19/1991) al fine di agevolare lo sviluppo delle attività economiche e della cooperazione internazionale nel territorio. Sarà attiva sul Paese da Settembre 2012.



prov
prov
prov